Kyle XY

Kyle XY

“Ogni specie nasce con degli istinti che trovano un equilibrio con la natura. Ogni specie eccetto quella di cui io faccio parte.”
(Kyle – stagione 1, episodio 1)

Kyle XY è una serie televisiva statunitense di fantascienza, prodotta e trasmessa da ABC Family.

Nata dall’idea di Eric Bress e J. Mackie Gruber (già insieme per lavori cinematografici come The butterfly effect e Final Destination 2), è stata mandata in onda per la prima volta il 26 giugno 2006 al 14 maggio 2010 sul network americano con una prima stagione composta da dieci episodi. È arrivata in Italia sul canale satellitare Fox dal 16 luglio 2007 al 24 novembre 2009 e in chiaro su Italia 1 dal 23 marzo 2009 al 24 novembre 2009.

Con un totale di 3 stagioni e 43 episodi della durata di 45 minuti ciascuno, Kyle XY racconta la storia di un ragazzo che cerca di recuperare le sue origini misteriose.

Ad oggi la serie vanta anche la pubblicazione negli Stati Uniti di due romanzi realizzati tra il 2007 e il 2008 dallo scrittore S. G. Wilkins.

Il titolo fa riferimento al nome del protagonista, il quale si sveglia nudo in un bosco, non sa chi è, né da dove viene, e non sa fare le cose più elementari come bere, parlare e mangiare.

Kyle viene aiutato da Nicole, psicologa dell’istituto per ragazzi sbandati, che notando in lui particolari doti lo accoglie nella sua famiglia per fornirgli sostegno e aiuto. Qui, giorno dopo giorno, il protagonista viene in contatto con nuove esperienze che accrescono il suo lato umano.

La serie si svolge a Seattle, gli scenari privilegiati sono la scuola e, in particolar modo, la casa di Nicole in cui si svolgono vari eventi che lo portano nel corso della storia ad avvicinarsi alla sua vera natura. Attraverso diverse e “nuove” esperienze impara il valore dell’amicizia, soprattutto grazie a Declan, un ragazzo al quale racconta tutta la verità e che diventa il suo migliore amico e compagno di avventure.

Incontra anche alcuni antagonisti che ricorrono ad ogni mezzo pur di venire a conoscenza di alcune verità in suo possesso.

Ma chi è in realtà Kyle? Da dove arriva?

Sono questi i due interrogativi che lo spettatore si porrà per l’intera serie seguendo il protagonista episodio per episodio.

Kyle XY (interpretato da Matt Dallas e doppiato da Davide Perino). È un misterioso ragazzo ritrovatosi nel bosco senza ombelico e senza memoria, ma con delle capacità, mentali e fisiche, incredibili. Viene adottato dalla famiglia della sua terapeuta Nicole. È generoso, altruista, responsabile e sempre pronto ad aiutare il prossimo.

Nicole Trager (interpretata da Marguerite MacIntyre e doppiata da Alessandra Korompay). È la terapeuta che decide di adottare Kyle. È sposata con Stephen e ha due figli, Lori e Josh. Sviluppa sin da subito un senso di protezione materno verso il protagonista che prende molto a cuore.

Lori Trager (interpretata da April Matson e doppiata da Alessia Amendola). È la figlia maggiore di Nicole e Stephen. Nella prima stagione ha una storia con Declan destinata a durare poco a causa dei comportamenti ambigui del ragazzo, che nasconde il segreto del protagonista. Ha un carattere cinico e testardo, ma sa essere una buona amica ed ha un cuore molto grande.

Josh Trager (interpretato da Jean-Luc Bilodeau e doppiato da Gabriele Patriarca). È il figlio minore di Nicole e Stephen. È convinto che il protagonista sia un alieno ed apre un “file” su di lui da aggiornare con i comportamenti più insoliti. Dopo poco Kyle diventerà per lui un migliore amico e un fratello.

Declan McDunaugh (interpretato da Chris Olivero e doppiato da Paolo Vivio). È il fidanzato di Lori e il migliore amico di Kyle. All’inizio non è onesto e responsabile, con il tempo e con la scoperta di alcuni segreti di Kyle, compirà un processo di maturazione.

Tom Foss (interpretato da Nicholas Lea e doppiato da Francesco Prando). Terrà d’occhio Kyle per proteggerlo e gli insegnerà come sfruttare al meglio le sue capacità fisiche e mentali.

Jessi XX (interpretata da Jaimie Alexander e doppiata da Selvaggia Quattrini). È una misteriosa ragazza che compare nel bosco in circostanze molto simili a quelle di Kyle. Sin dall’inizio si nota che ha molto in comune con il protagonista. Spesso dimostra di non conoscere la differenza tra bene e male.

Kyle XY presenta una struttura orizzontale in quanto basata sul percorso che il protagonista affronta per recuperare la sua storia.

Ogni episodio, dopo il riassunto delle puntate precedenti della durata di circa un minuto, si apre con un teaser che solitamente inizia con i pensieri o le domande del protagonista che introducono ciò che accadrà successivamente.

La Sigla. Intorno al quarto minuto dell’episodio parte la sigla di Kyle XY della durata di quasi 10 secondi, dove non viene presentato alcun personaggio. Si apre con una grafica nebulosa su uno sfondo blu in un susseguirsi di lettere e segni, come se ci immergessimo nella confusione che attraversa i pensieri del protagonista. Subito dopo si delinea, in modo molto sfocato, la struttura del DNA che rimanda alla natura di Kyle. Alla fine della sigla appare il nome della serie.

Le inquadrature si alternano con numerosi primi piani sugli attori e panoramiche che spezzano la scena quando si passa da un ambiente a un altro.

Il supervisore musicale della serie è Chris Mollere; il tema della sigla d’apertura è stato scritto da Michael Suby che ha composto anche diverse parti musicali del telefilm.

Ogni puntata si conclude con un riassunto su sottofondo musicale accompagnato dai titoli di coda.

Gli scenari privilegiati sono la casa, la scuola, il parco ed il bar. Sono questi i luoghi principali in cui avvengono i dialoghi tra i personaggi. Il linguaggio è molto semplice e comune, e non sono rari i momenti in cui spiccano dei vocaboli più comunemente utilizzati dal gergo giovanile:

[Kyle]: Quando nuotiamo?
[Josh]: Noi non siamo qui per nuotare. Siamo qui per guardare le bambole.
[Kyle]Bambole?
[Josh]: Certo! Le gazzelle, le sventole, le ragazze con la terza… come quella! Oh! Oh Signore degli Anelli!
[Kyle]: Chi è una tua amica?
[Josh]: Scherzi? Una come quella non sa neanche che esisto.

(stagione 1, episodio 4)

Fanno eccezione, invece, i momenti in cui Kyle utilizza un linguaggio scientifico e informatico, in cui emerge la sua intelligenza fuori dal comune.

 

Laura Veri (autrice); revisione a cura di Andrea Martina

Cerca la serie tv

0 commenti