Chi siamo

Marcello Aprile (direttore scientifico) è professore ordinario di Linguistica italiana presso l’Università del Salento, Corsi di laurea in Scienze della comunicazione e in Lettere moderne. Dopo la laurea a Lecce e il dottorato a Saarbrücken (D) con Max Pfister, ha pubblicato volumi e articoli sulla storia linguistica del Mezzogiorno medievale, sul lessico dell’italiano, sui dizionari, sul fumetto. Coordina la lettera D del Lessico Etimologico Italiano, diretto a Saarbrücken da Max Pfister e Wolfgang Schweickard.

Daniele Calò (vicedirettore dell’Osservatorio) è laureato in Scritture giornalistiche e multimedialità con una tesi di laurea in Linguistica italiana sulla serialità televisiva.

Alessandra Ciraci (vicedirettrice dell’Osservatorio) è laureata in Scritture giornalistiche e multimedialità con una tesi di laurea in Linguistica italiana sulla serialità televisiva.

Francesca Sammarco (vicedirettrice dell’Osservatorio) è laureata in Lettere moderne con una tesi di laurea in Linguistica italiana sulla lingua dello sceneggiato italiano.

Enrico Martina (progettista e curatore del sito web) si è laureato in Scienze della comunicazione a Lecce e poi a Bari; si occupa della creazione e della gestione di siti Internet ed è il webmaster di questo progetto.

In redazione, con compiti di revisione, scrittura, funzionamento del sito e contatti con i social media: Benedetta De Benedetto, Andrea Donaera, Ilaria Legittimo, Marika Lerario, Marialucia Magazzino, Andrea Martina, Serena Masciullo, Tatiana Puce, Francesca Quarta, Sofia Terzi, Roberta Vitale

Hanno inoltre collaborato alla stesura di singole serie numerosi laureati dei Corsi di laurea in Scienze della comunicazione e in Lettere delle Università del Salento e del Molise; i loro nomi sono ricordati nelle singole schede.

Comitato scientifico

Luca Bandirali è il conduttore della trasmissione radiofonica Hollywood Party (Radio 3 RAI), è coautore di numerose trasmissioni televisive e si occupa, tra le altre cose, di serialità televisiva, argomento su cui ha scritto libri e articoli. Insegna a contratto Cinema, fotografia e televisione presso il Corso di laurea in Scienze della comunicazione dell’Università del Salento.

Debora de Fazio ha conseguito il dottorato in «Linguistica storica e storia linguistica italiana» (sede amministrativa: Roma La Sapienza) e l’abilitazione all’insegnamento universitario in Linguistica italiana. Si occupa di grammatica italiana, di lingua dei media (televisione, fumetti e giornali), di lingua della politica e della psichiatria ottocentesche, di storia delle parole, e del Lessico Etimologico Italiano, per il quale ha scritto alcune centinaia di articoli.

Roberto Santoro è il direttore didattico del sito Seriously. Editor presso il Dipartimento delle Riforme Costituzionali durante il Governo Letta, si occupa di consulenza politica e aziendale. Roberto ha insegnato creative writing alla Sapienza di Roma e in altre università italiane. Ha scritto o scrive per Storie, Nazione Indiana, l’Occidentale, Il Tempo, il blog dell’AEI, Fondazione Magna Carta, Questioni di Frontiera, Ventunesimo SecoloLongitude.

Simone Zeoli è assistente di regia di Stefano Reali e con lui ha collaborato a Lo scandalo della Banca Romana, miniserie TV in due puntate per Raiuno. Dalla sua laurea a Campobasso in Linguistica italiana è nato un libro a quattro mani con M. Aprile, Le porte d’Oriente. Lettura linguistica dei fumetti di Vittorio Giardino (Lecce, 2005), su uno dei più grandi autori di graphic novel del Novecento europeo. Per la magistrale si è poi laureato a Pisa in Cinema, Teatro e Produzione multimediale.

Il sito è aperto alle collaborazioni; eventuali testi saranno sottoposti all’approvazione dei curatori.

Per saperne di più

I libri sulla serialità televisiva che consideriamo imperdibili e che consigliamo a tutti sono:

Aldo Grasso, Buona maestra. Perché i telefilm sono diventati più importanti del cinema e dei libri, Milano, Mondadori, 2007 (dello stesso autore consigliamo vivamente anche le schede che pubblica di volta in volta sul Corriere della Sera, il forum online TeleVisioni, su www.corriere.it, e la video-rubrica omonima).

Maria Pia Pozzato e Giorgio Grignaffini, Mondi seriali. Percorsi semiotici nella fiction, Milano, RTI, 2008.

Aldo Grasso e Cecilia Penati, La nuova fabbrica dei sogni. Miti e riti delle serie tv americane, Milano, Il Saggiatore, 2016.

È fondamentale anche consultare la rivista Script, che costituisce l’asse portante della Dino Audino (l’editore specializzato nel settore), e tutta la manualistica messa a disposizione dallo stesso editore romano attraverso traduzioni (si tratta di volumi sulla regia, sulla sceneggiatura, ecc. di taglio pratico e diretto).

Per le serie italiane, segnaliamo l’attività dell’Osservatorio sulla fiction italiana – OFI (http://www.campo-ofi.it/) che da più di vent’anni segue, studia e classifica i prodotti seriali nazionali. Il punto di vista dell’Osservatorio è prevalentemente sociologico. Lo ha fondato e lo dirige Milly Buonanno, ordinaria di Sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università di Roma – La Sapienza. L’osservatorio produce ogni anno un libro-report sulla fiction dell’anno precedente e una serie di studi monografici.

All’interno di una sitografia sterminata, il sito non accademico in italiano più importante sulle serie televisive è Serialmente – Opinioni non richieste sulle serie tv americane (www.serialmente.com), che dispone di un materiale d’archivio ormai immenso. Segnaliamo anche Seriangolo, sito limitato alle discussioni sulle serie tv di qualità (www.seriangolo.it).

È imperdibile il sito Seriously di Roberto Santoro (www.seriouslysocial.it), la prima scuola di formazione con le serie tv. Roberto Santoro ha tenuto per il nostro Osservatorio lezioni e seminari.